Si potrebbe sintetizzare un anno di eventi in 140 caratteri? Secondo Jack Dorsey, che nel 2006 inventa Twitter, sicuramente sì.

Il nuovo social network, molto più minimale e “informativo” di Facebook, cambia ancora il nostro modo di comunicare, e ci fa per la prima volta “cinguettare”.

Ma il suo impatto va ben oltre: Twitter è un vero e proprio occhio sul mondo, il luogo dove arrivano subito le notizie, caricate direttamente da chi sta vivendo quella situazione in diretta.

Il 2006 è ricco di celebrazioni: 250 anni dalla nascita di Mozart, 400 da quella di Rembrandt, 150 da quella di Nikola Tesla.

Cosmetica Italia si concede un momento per fare il punto della situazione e rileva dati decisamente soddisfacenti: oltre 8.800 milioni di euro di fatturato, 500 aziende associate e più di 35mila addetti diretti.

L’export vale 2.257 milioni, e riguarda, in ordine di importanza, Francia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti e Spagna.

Torino è il teatro dei XX Giochi Olimpici Invernali, dopo ben 43 anni lo Stato riesce a catturare il boss Bernardo Provenzano, muoiono l’indimenticato terzino e simbolo dell’Inter Giacinto Facchetti e la giornalista Oriana Fallaci: amata da molti, odiata da altrettanti, ha sicuramente lasciato il segno con il suo pensiero senza ipocrisie.

Mentre il senatore a vita Giorgio Napolitano viene nominato presidente della Repubblica, e a Cuba Fidel Castro passa tutti i suoi poteri al fratello Raul, la nazionale Italiana vive il magico sogno mondiale.

“Il cielo è azzurro sopra Berlino”, urla travolto dall’entusiasmo il cronista Marco Civoli alla fine di Italia-Francia. È il 9 luglio, siamo all’Olympiastadion della città tedesca, e un emozionato ma concentratissimo Fabio Grosso segna il rigore decisivo.

E dire che non era iniziata sotto una buona stella: lo scandalo Calciopoli aveva coinvolto diversi calciatori e dirigenti, e il clima, in Italia ma anche nel resto d’Europa era quello di una crisi economica agli albori.

Ma nelle piazze, non ci pensava ancora nessuno. Perché con la bandiera in mano e l’euforia di un’estate meravigliosa, la festa stava per cominciare.

Cosmetica Italia. 50 anni di storia e un finale ancora tutto da scrivere. Insieme.